giovedì 14 marzo 2019

Never 2.Non Perdermi (2.Never Series) di Laura Kneidl

TITOLO: Never 2.Non Perdermi
AUTORE: Laura Kneidl
SERIE: 2.Never
EDITORE: Sperling & Kupfer
DATA PUBBLICAZIONE: 5 marzo 2019
GENERE: New Adult



NEVER SERIES:
1. NEVER.NON AMARMI, 29 gennaio 2019...(Recensione)
2. NEVER.NON PERDERMI, 5 marzo 2019


Super Scripted 000000
«L'unica cosa che so è che mi manchi.»

Quando Sage è arrivata a Melview, senza un tetto sopra la testa e senza un soldo in banca, aveva alle spalle un passato da scordare e davanti a sé un futuro tutto da scrivere. A chilometri di distanza da casa, sperava di realizzare i suoi sogni, i suoi desideri. E così, in fondo, è stato. L'inaspettato incontro con Luca, poi, le ha regalato una felicità mai provata. Un passo alla volta, è riuscito, infatti, a farsi strada tra le sue paure, insegnandole cosa significhi davvero fidarsi. Vivere. E amare. Ma, all'improvviso, il passato di Sage è tornato, travolgendo ogni cosa. Anche la storia con Luca. Il suo sguardo glaciale e la sua ultima parola sono ancora impresse a fuoco nella memoria e nel cuore di Sage. Sparisci. Ogni giorno che passa senza di lui, Sage si sente come se le mancasse una parte di sé. Dimenticarlo sembra impossibile, nonostante gli sforzi. Un giorno, però, a sorpresa, Luca si presenta alla sua porta e le chiede di tornare. La situazione è più confusa che mai. Ma, a volte, c'è solo un modo di superare le proprie paure: insieme.

Arriviamo alla svolta decisiva della storia d’amore tra Sage e Luca.
Dopo la loro rottura, Sage deve scendere a patti con le sue decisioni e affrontare le conseguenze delle sue scelte.
Le cose tra loro sono tese, entrambi soffrono per questa loro allontananza dovuta no per mancanza d’amore ma bensì per il passato di Sage.
Quest’ultima aveva fatto un gran percorso interiore.
E’ riuscita a crearsi delle amicizie, ad affrontare i suoi attacchi di panico.
Ma la ritroviamo questa volta al punto di partenza, dove i progressi fatti sono andati persi.
Difatti non perdermi e copia identica di Non Amarmi.
Il personaggio di Sage non ha avuto nessuna crescita, rimane spaventata che lamenta della sua condizione ma che non fa nulla per dare una svolta.
La trama porta il lettore al punto iniziale.
Pagina dopo pagina mi sembrava di star rileggendo d’accapo.
Una lettura ripetitiva e monotona.
Non c’è stata nessuna variante e questo mi ha portato ad non avere un coinvolgimento nella storia.
Lo si legge più per curiosità che per emozioni.
Anche quel piccolo cambio di rotta dalla trama è stata al quanto superficiale.
Già il primo non mi aveva colpita e purtroppo sono costretta a concludere che non mi è piaciuto.
Luca è stata l’unica cosa positiva.
Concludo questa recensione con amarezza e dispiacere.


Nessun commento:

Posta un commento